Chepngetich mezza mondiale 1h04:02

04 Aprile 2021

La keniana oro mondiale di maratona toglie 29 secondi al record sulla mezza distanza a Istanbul. Kandie batte Kamworor. L'italiana Yaremchuk tredicesima.

 

Tanto tuonò che piovve, in una mattinata turca preceduta dalle bizze meteo notturne (pioggia) e da un vento via via resosi più clemente. Al via della N Kolay Istanbul Half Marathon, poche speranze per crono indimenticabili, invece il big one è arrivato nella corsa donne, a firma della campionessa mondiale di maratona, la keniana Ruth  Chepngetich, che in 1h04:02 ha sottratto la bellezza di 29 secondi al limite dei 21,097 chilometri stabilito dall'etiope Ababel Yeshaneh (1h04:31 a Ra's Al-Khaymah il 21 febbraio 2020). Per non farsi mancare nulla, ovviamente è stato migliorato anche il world best sui 20 km in 1h00:43 (precedente 1h01:11 nella gara di cui sopra della Yeshaneh). Doppio muro da abbattere, e impresa quasi riuscita alla Chepngetich. Prima donna sotto l'1h11 sui 20 km, solo due secondi in più per non riuscire a scendere sotto l'1h04 nella mezza maratona. Passaggi monstre con 15:07, 30:21, 45:30 (seconda all-time) e la migliore prestazione mondiale al 20esimo chilometro.

OBIRI ESORDIO SUPER - Sotto il vecchio world best sui 20 km anche la seconda, l'etiope Yalemzerf Yehualaw (1h01:05 e 1h04:40 al traguardo, terzo tempo all-time) e la straordinaria debuttante Hellen Obiri, 1h01:18 al 20esimo km e finish galattico in 1h04:51, sesto crono assoluto di sempre e miglior esordio nella storia della distanza. Best ever marks, ovviamente, dalla prima alla quarta posizione, dove Joan Chelimo (1h05:09) ha chiuso vicinissima al personale. Tredicesima l'italiana ex-ucraina Sofiia Yaremchuk (Acsi Italia Atletica), in 1h12:18. La Yaremuchuk, italiana da fine 2020, aveva già ottenuto 1h11:20 a Siena il 28 febbraio di quest'anno. Ha un personal best di 1h10:33, risalente al successo nella mezza maratona di Terni del 12 gennaio 2020.

KANDIE VINCE - Nella gara maschile, film previsto con il duello tra l'attuale primatista mondiale Kibiwott Kandie (57:32 a Valencia quattro mesi fa) e quello spodestato e pluricampione del mondo sulla distanza Geoffrey Kamworor (58:01, Copenhagen 2019). Dopo un lungo testa a testa, Kandie ha preso il vantaggio sufficiente per imporsi su Kamworor, vincendo in 59:35 sul connazionale (59:38). Sotto l'ora, anche gli altri due keniani Roncer Kipkorir (59:46) e Leonard Barsoton (59:59), Tra i due, l'etiope Walelegn, quarto in 59:48.

m.b.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

Sofiia Yaremchuk sul traguardo di Terni (foto Bertolle/organizzatori)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate